Guai a quelli che fanno traduzioni letterali, e traducendo ogni parola snervano il significato.È ben questo il caso di dire che la lettera uccide e lo spirito vivifica.

Voltaire, Lettere filosofiche, 1734

 

L’umorismoè la prima qualità che va perduta in una lingua straniera.

Virginia Woolf, Il lettore comune, 1925

 

Come accennato nella Intro a sorpresa n°1 | LINGUISTIC INTRO la versione inglese del libro è stata tradotta da Google a gratis. Lo sforzo dell’autore è stato quello di sistemarne leggermente la struttura senza stravolgere troppo il senso ritorto del testo di modo che i lettori inglesi non perdessero la pazienza dopo appena un paragrafo di incomprensibili intrichi. Non so se questo sforzo abbia ottenuto i risultati sperati. Ma anche se incomprensibile il testo inglese ha il suo perchè.

Il testo inglese è un contenuto grafico. La scrittura ottenuta per mezzo della traduzione sistematica di Google potrebbe essere definita come “creativa”. La scrittura creativa della reinterpretazione informatica dei codici tramite un calcolatore. La scrittura creativa della matematica informatica. Il testo inglese astrae e trascende il testo originale (italiano) trasformandolo in una scrittura grafica. In un testo poetico. La grammatica di Google è arbitraria a Google.

Quarta Parentesi | ARBITRARIETA’ (wiki italiana)

In linguistica l’arbitrarietà è una delle caratteristiche del segno linguistico. Si parla di arbitrarietà (in contrapposizione all’iconicità) in quanto gli elementi del segno linguistico non sono naturalmente “motivati” ma dipendono da una (tacita) convenzione tra i parlanti di una lingua.

L’arbitrarietà si ha tanto sul piano dell’espressione (il significante) quanto su quello del contenuto (il significato). (chiusa parentesi)

Il lettore deve leggere con i sensi. Deve essere in grado di scardinare i luoghi comuni e le congetture e si deve lasciar prendere dal suono del surreale e del ridicolo. Il testo inglese è un secondo testo leggibile come suono anche dal lettore italiano che non lo capisce ma che lo canta.

Il traduttore Google è un traduttore approssimativo. Chi usa questo strumento quindi se non è uno strumento di precisione? Il pubblico, il lettore approssimativo del web. Quello stesso utente, di cui parlavamo nel capitolo precedente, siamo tutti noi. Utilizziamo il traduttore Google per capire per grandi linee il senso di un articolo di Le Monde o dell’Economist, traduciamo i messaggi di stato di qualche persona che vorremmo conoscere virtualmente in Cina o in Uruguay.

 

| THE PHILOSOPHY OF MISTRANSLATION or ON APPROXIMATION 2

Woe to those who are literal translations, and translating each word enervate the meaning. Well this is the case to say that the letter kills and the spirit gives life.

Voltaire, Philosophical letters, 1734

 

The humor is the first quality that is lost in a foreign language.

Virginia Woolf, The common reader, 1925

 

As mentioned in the Intro a sorpresa n°1 | LINGUISTIC INTRO the English version of the book has been translated by Google for free. The effort of the author was to adjust the structure slightly, without changing or twisting the meaning of the mistranslated text, so that English readers would not lose patience after just a paragraph of incomprehensible entanglements. I do not know if this effort has achieved the expected results. But even if incomprehensible, the English text has its own why.

The English text is a graphic and conceptual content. Writing obtained using the systematic translation of Google could be defined as a “creative translation.” The informatics reinterpretation of the creative writing through a computer code. The creative writing of mathematics computer science. The English text abstracts and transcends the original text (Italian) turning it into a graphic writing, a poetic text. The grammar of Google is arbitrary to Google.

Fourth Parenthesis | ARBITRARINESS (English wiki)

Arbitrary decisions are not necessarily the same as random decisions. For example, during the 1973 oil crisis, Americans were allowed to purchase gasoline only on odd-numbered days if their license plate was odd, and on even-numbered days if their license plate was even. The system was well-defined and not random in its restrictions; however, since license plate numbers are completely unrelated to a person’s fitness to purchase gasoline, it was still an arbitrary division of people. Similarly, schoolchildren are often organized by their surname in alphabetical order, a non-random yet still arbitrary method, at least in cases where surnames are irrelevant.
(parenthesis closed)

The reader must read with the senses. S/he must be able to undermine the stereotypes and guesswork and s/he has to let go to the sound of the surreal and the ridiculous. The English text is a second text readable as a sound also by the Italian reader who does not understand it but that can sings it.

The Google translator is an approximate translator. Who are those who use this tool even if it is not a precision instrument? The audience, the approximate reader of the web. That same user, as we were talking about in the previous chapter, is all of us. We use Google translator to understand in broad terms the meaning of an article in Le Monde or The Economist, we translate the status messages of some person which we would like to know virtually in China or Uruguay.

 


 

Traduciamo i pareri medici sui valori alterati del sangue ancor prima del consulto con lo specialista. Incubiamo. Il traduttore Google è in realtà inutile allo scopo di capire integralmente il testo. Il traduttore Google ci accenna. E noi abbiamo capito. Non ci serve altro, ci dobbiamo già spostare sulla prossima pagina. Non c’è tempo. Ma abbiamo capito male.

L’artista Fragogna usa Google come un medium per interpretare, per offrire una visione di testo “altra”. Come un distorsore per la mente. Come un filtro stralciato.

E’ così che il testo si trasforma nel suo contenuto, la concettualizzazione del Nido Di Polvere. Il testo tradotto diventa il Nido Di Polvere. Il nido di capelli, pelle, resti, pensieri, idee, relazioni, intrecci diventa un matrix di simboli grafici, la nebula si sfalda e si concretizza in grafemi che compongono la stessa immagine ma la reinterpretano sgrammaticamente.

Il lettore italiano può leggere a sua volta il testo inglese perchè nell’incomprensione pressochè totale può perdere il contatto e disperdersi nel pulviscolo. Il lettore inglese può fare lo stesso col testo italiano che, sebbene scritto con una relativa correttezza grammaticale, è comunque incomprensibile a livello logico.

Il Google translator è inutile. Il Google translator è concettualmente necessario. Il testo concettuale è comunque incomprensibile. Il testo concettuale è inutile.

LA METATRADUZIONE, UN PROGETTO CASTRATO

Fragogna si spinge oltre, ovviamente. Per creare un universo pulviscolare, una broda primordiale, un miasma fecondo di possibilità inconoscibili è necessario superare il limite. Dal testo originale semi-logico al testo tradotto arbitrariamente il passo successivo è il ritorno della traduzione al suo codice linguistico di partenza.
Il traduttore Google traduce dall’italiano all’inglese all’italiano.
Un volo sul trapezio pieno di contenuto simbolico. La metatraduzione.

Il progetto originale del libro di testi di Nest Of Dust doveva presentare il testo inglese in prima traduzione e il testo italiano in metatraduzione. Ci doveva essere poi un fascicoletto a parte col testo italiano originale e una buona traduzione inglese. Purtroppo per questioni squisitamente pecuniarie non è stato possibile realizzare il “fascicoletto” ma speriamo che in futuro un critico illuminato, un mecenate senza remore, un Gagosian a caso ci dia la possibilità di completare l’opera ahimè storpia. Esempio di “meta” in tre passaggi:

Il concetto ha senso se il senso è sensato.

↓ ↓ ↓

The concept makes sense if the sense is sensible.

↓ ↓ ↓

Il concetto ha un senso se il senso è ragionevole.

 

We translate medical opinions on the altered blood values even before consultation with a specialist. We incubate nightmares. This translator is actually useless in order to fully understand the text. This translator gives hints. And we get the meaning. We do not need to deepen, we must already move to the next page. There is no time. But we got it wrong.

The artist Fragogna uses Google as a medium to interpret, to offer a vision of an-other text. A distortion for the mind. A written-off filter.

In this way the text is transformed in its content, the conceptualization of the Nest Of Dust. The translated text becomes the Nest Of Dust. The nest of hair, skin, ruins, thoughts, ideas, relationships, plots becomes a matrix of graphics, the nebula falls apart and takes the form of graphemes that compose the same image but reinterprets it grammatically incorrect.

The Italian reader can read the English text just as well because in an almost total incomprehension s/he may lose contact and be dispersed in the dust.
The English reader can do the same with the Italian text which, although written with a relative grammatical correctness, it is incomprehensible at a logic level.

The Google translator is useless. The Google translator is conceptually necessary. The conceptual text is still incomprehensible. The conceptual text is useless.

THE METATRANSLATION, A CASTRATED PROJECT

Fragogna goes further, of course. To create a dusty universe, a primordial broth, a miasma of fruitful unknowable possibilities is necessary to exceed the limit. From the original semi-logical to the arbitrarily translated text the next step is to return to its initial linguistic code of translation.
The Google Translator translates from Italian to English to Italian.
A flight on the trapeze full of symbolic content. The metatranslation.

The original draft of the book of texts of the Nest Of Dust Project was supposed to present the first translation into English text and the text in Italian in metatranslation. Then there had to be a booklet in part with the original Italian text and a good English translation. Unfortunately for purely pecuniary issues it has not been possible to achieve the “booklet” but we hope that in the future an enlighened critic, a patron without hesitation, a random Gagosian will give us the opportunity to complete the work alas crippled.
Example of “meta” in three steps:

the concept makes sense if the sense is meaningful.

↓ ↓ ↓

il concetto ha senso se il senso è significativo.

↓ ↓ ↓

the concept makes sense if the meaning is significant.

 


 

Barbara Fragongna, fragment from Nest of Dust, Book 3

 


 

COPYRIGHT 2013

BARBARA FRAGOGNA