> Intro a sorpresa n°0 | INTRO’s INTRO

E’ molto importante leggere le introduzioni.

It is very important to read the introductions.

 

>> Intro a sorpresa n°1 | LINGUISTIC INTRO

THE WRONG TRANSLATION IS A CHOICE IS A CHOICE

Volevo scrivere il libro in italiano e in inglese. Per internazionalità. Perchè il mio sogno è che tutti parlino in inglese anche male non importa, basta capirsi (al momento vivo in Germania e il tedesco, beh… è tedesco). Però questo è un libro d’artista low budget perciò non ci sono i soldi per il traduttore. Allora per far di necessità virtù me ne sono inventata una particolarmente geniale e l’ho fatta diventare parte integrante (e pure necessaria) del concept. Quindi l’inglese ci sarà ma sarà molto poco corretto (si fa quel che si può). Del resto l’approssimazione è una delle conseguenze più dirette del flagello del low budget sulla cultura (parlo di quel che mi riguarda ma potrei parlare anche in generale). Se non ci sono i soldi bisogna privarsi delle parti “meno” vitali (come estrarre la milza, un rene e fino a due terzi di fegato tanto “uno” vive lo stesso “abbastanza” bene). E’ così cari miei che si abbassa la qualità e si vive in un mondo “tra virgolette” (e tra parentesi).

Comunque sia questo testo lo volevo scrivere anche in inglese, così ho chiesto aiuto al Google Translator, che è gratis. Vedrete più avanti come riuscirò a giustificare questa scelta obbligata intellettualizzandola nel Capitolo 4 La Filosofia Della Traduzione Scorretta o Sull’Approssimazione 2.

P.S.: Ho scelto Google (piuttosto che Bing o altri) perchè concettualmente lo trovo più trash (e politicamente, per via delle multinazionali).

I wanted to write the book in Italian and English. For internationality. Because my dream is that everyone speaks English even if badly, it doesn’t matter, just to understand each other (at the moment I live in Germany and the German, well … is German). It is a low budget book so there is no money for the translator. So, to make a virtue out of necessity I have invented a particularly brilliant solution and I transformed the wrong translation into an integral part (and even necessary) of the concept. There will be an English version but it will be a little-very wrong. One does what one can. Moreover, the approximation is one of the most direct consequences of the scourge of the low budget reality on culture (I speak about a topic that concerns me but I could also talk in general). If there is no money you have to deprive yourself of the“less” vital parts (such as removing the spleen, a kidney and up to two-thirds of the liver as“one” lives the same“pretty” well). It ‘s like this, my dears, that the quality falls down and as a consequence we live in a“quotation marks” (and parenthesis) world.

Anyway I still wanted to write this text in English so I asked for help to Google Translator, which is free. You will see how I can justify and intellectualize this choice in the Chapter 4 The Philosophy of Mistranslation or On Approximation 2.

P.S.: I chose Google (rather than Bing or others) because I find it conceptually more trash (and politically, because of the multinationals).

P.S.2: Dear English reader, you have a chance to interact with the book using a RED PEN to correct the mistakes. I know, everybody dreams to do it at least once in a life!                                                                                              😉

 


 

>>> Intro a sorpresa n°2 | THAT’S ALL, FOLKS

Senza senso dell’umorismo non si va da nessuna parte, gente.
Bisogna sdrammatizzare, ma non troppo.

Without a sense of humor you don’t go anywhere, folks.
You have to play down, but not too much.

 

>>>> Intro a sorpresa n°3 | KEEP CALM

Rilassati, non è sangue, è pomodoro.

Relax, it is not blood, it is tomato.

 

>>>>> Intro a sorpresa n°4 | POTPOURRI INTRO

 Come Kilgore Trout* per veder pubblicati i suoi racconti di fantascienza si deve rivolgere ad un editore di pornografia che “per dar corpo a libri e riviste di foto piccanti” ne cambia i titoli ma ne mantiene la forma, così io in Nest Of Dust camufferò sotto una sapiente architettura di critica d’arte contemporanea di alte pretese e belle speranze quello che invece più mi sta a cuore pubblicare disseminando qua e là come viene, perchè non saltino troppo all’occhio e perchè non insospettiscano i benpensanti, alcune ricette della tradizione impopolare della cucina degli avanzi e un paio di storielline del mistero e di teorie bislacche che tanto si addicono al sole e all’ombrellone. Ma anche al caminetto e alle castagne.

To see published his science fiction stories, Kilgore Trout * have to apply to a publisher of pornography that, in order “to give body to books and magazines of hot photos”, changes the titles but lives the same content. As well I will hide in the Nest Of Dust’s wise architecture of art criticism what instead is closest to my heart to publish. Scattering here and there (not to give them too much attention and not to upset the right-thinking readers) some traditional unpopular cooking leftovers recipes and some little stories of mystery and outlandish theories that so suited to the sun and the ombrellone/beach umbrella. But even to the fireplace and the chestnuts.

*Kilgore Trout è uno dei protagonisti de La colazione dei campioni di Kurt Vonnegut (uno dei miei eroi).

*Kilgore Trout is one of the protagonists of Breakfast of Champions by Kurt Vonnegut (one of my heroes).

 

>>>>>> Intro a sorpresa n°5 | ONE OF THE KEYS (una delle chiavi)

 Posso sempre dire che l’ha scritto il mio Avatar, che non è l’Alter Ego, è l’Avatar. L’alter ego è Ponzio Pilato (quello che se ne è lavato le mani, per capirci…). Assurdo.

I can always say that my Avatar wrote it, which is not the Alter Ego, it is the Avatar. The Alter Ego is Pontius Pilate (the one who washed his hands, so to speak…). Absurd.

 


 

>>>> Intro a sorpresa n°6

 

 

Joseph Kosuth, Art As Idea As Idea, 1967. Black and white photographs mounted on board, 120 x 120 cm.

Joseph Kosuth, Art As Idea As Idea, 1967. Black and white photographs mounted on board, 120 x 120 cm.

 

 

 

Barbara Fragogna, Too Much Is Too Much, 2013 black and white print mounted on board 120 x 120 cm

Barbara Fragogna, Too Much Is Too Much, 2013. Black and white print mounted on board, 120 x 120 cm.

 

 


 

COPYRIGHT 2013

BARBARA FRAGOGNA